A Magic Place

I TATTOO STUDIO PIU’ BELLI: LO STUDIO DI AMANDA TOY A MILANO PROGETTATO DA PLACE DI ALESSANDRO SPAGLIARDI

Di Alessandra Giannini @alelove

Bohèmien-informale-colorato, questi sono tutti aggettivi che ben descrivono il Toy Tattoo Parlour, uno degli studi più interessanti nel panorama milanese. Il Toy nasce per Amanda Toy, tatuatrice milanese famosa per le sue bamboline colorate, da progetto di Alessandro Spagliardi, desinger di interni. L’amicizia tra committente e progettista rende possibile una perfetta sintonia tra l’universo espressivo e colorato di Amanda e il rigore formale di Alessandro. Il risultato è una scatola bianca allegramente riempita di giocattoli variopinti. Arrivando da Via Rasori vediamo la vetrina con infissi rosa e la grande vetrina che ricorda un negozio di baloccchi. Entrando dalla porticina colorata entriamo in un mondo onirico Sono bianchi il pavimento in laminato, il soffitto con greche retrò, il lampadario a gocce e le pareti: una white box perfetta per i giochi di Amanda. Cosi nicchie decorate da donnine anni 50 e peonie in una fantasia optical rompono la candida continuità delle pareti, insieme agli arredi comodi,variopinti ed eterogenei: l’angolo salottino con le poltroncine e le sedie una diversa dall’altra, il tavolone in legno massello antico, il piccolo tecnigrafo creano dei punti focali scenografici all’interno dello spazio grande e minimal. Protagoniste indiscusse le opere di Amanda, liberamente disposte nello spazio e sulle pareti. Tocco romantico il cuore oblò da cui spiare la sacra sala da tatuaggio, altrettanto bianca e funzionale. Sicuramente uno studio perfettamente riuscito nella simbiosi di linguaggio artista e interior designer.

AMANDA TOY, tatuatrice e proprietaria del TOY PARLOUR

Il tuo studio è una perfetta sintesi di arte e architettura d’interni, per questo lo abbiamo eletto uno dei “best tattoo shop” di Milano. Quanto rispecchia della tua personalità?

Alessandra, ti ringrazio molto per avere letto il mio studio uno dei più bel tattoo shop di Milano, quando quattro anni fa ho deciso di aprire lo studio a Milano mi sono subito innamorata della location, in particolar modo delle due vetrine grandi e della porta a botola. Non riuscivo a immaginare un mio studio a Milano perché non avevo ancora trovato un posto che veramente facesse sussultare il mio cuore e mi facesse innamorare, appena l’ho trovato ho subito voluto con lavorare con un mio amico, il designer Alessandro Spagliardi che ho conosciuto molti anni fa a Trieste e che oggi vive a Milano e l’ho chiamato per chiedergli una consulenza.


Ti sei avvalsa di un professionista per la progettazione: quanto la visione di un architetto è distante da quella di un tatuatore? Tu e Alessandro (progettista del Toy Palour, ndr) siete amici, di vecchia data o lo siete diventati durante la progettazione dello Shop?

Avevo in mente di farlo con le pareti bianche che fosse un luogo molto pulito e pieno di luce, questo sì tutto il resto è venuto piano piano compreso le pareti con le nicchie a forma di cuore per le quali mi sono illuminata una mattina in quanto volevo creare delle aperture nel cartongesso. Alessandro e’ stato molto bravo ci siamo trovati bene sia in fatto di gusto che di materiali e senza di lui sarebbe stato davvero un delirio perché si è occupato anche della parte burocratica ASL etc etc Per questo lo ringrazierò sempre ❤. Alla fine e’ nato il Toy tattoo Parlour che è una parte di me e quindi ovviamente ho scelto tutto in base alla mia essenza perché ho sempre pensato che luogo di lavoro deve rispecchiare se stessi È un luogo in cui io passo la maggior parte del mio tempo e quindi mi devo trovare in armonia al 100% sia nella location che con i miei collaboratori che scelgo in base a professionalità persona e che siano in armonia insieme. Da vera bilancia non posso pensare di essere un luogo dove non regni l’armonia…

 

Per la versione completa vedi la rivista