Lucille Ninivaggi

Intervista di Alessandra Giannini

Fotografie di Veronica Nina Zanusso

 

Ho frequentato solo il liceo artistico, non ho potuto permettermi di studiare altro, non volevo pesare economicamente su mia madre e sono sempre stata molto attiva e ho iniziato subito a lavorare per essere indipendente, ho iniziato con il fare la commessa, poi la babysitter e ho fatto un sacco di altri lavoretti fino a che una mia carissima amica mi ha fatto entrare in un ufficio stile cosa che dieci anni fa non era facile, serviva una formazione specifica e invece io entrai in punta di piedi, ho iniziato facendo le fotocopie e presto fui il tutto fare dello studio. Mi sono comprata il computer da sola, e da autodidatta studiato computer grafica. Il tatuaggio è sempre stato un sogno nel cassetto, mi sono sempre tatuata legando ogni mio tatuaggio a un ricordo spesso sofferente tanto che ho iniziato ad un certo punto a stravolgere questa cosa e a farmi tatuaggi felici.

 

 

 

 

Continua a leggere su Stigmazine numero 3

www.stigmazine.com/buy