OUR ZINE

logo

 

Il primo intento di questa pubblicazione è quello di abbracciare la cultura del tatuaggio in tutte le sue
sfumature e nella sua accezione più intima e quotidiana. L’intento di questa rivista è di esplorare questo tema a fondo e in tutte le sue sfumature: il tatuaggio è arte, è un’espressione sociale, è una traduzione simbolica di un sentimento, è un modo per definire la propria personalità. Il tatuaggio è un modo per raccontare e raccontarsi. Per questo vogliamo dare
spazio in questa pubblicazione a uomini e donne che con fierezza portano impressa sulla loro pelle la loro storia e la esibiscono con disinvoltura. Perché è superata l’epoca in cui il tatuaggio era qualcosa che suscitava scandalo.
E ora quello che era uno stigma sociale si è trasformato in uno stigma personale, un’affermazione decisa della propria identità. L’ambizione di STIGMAzine è diventare un raccoglitore di storie uniche di identità tatuate, di personalità del
nostro tempo che possano diventare fonte d’ispirazione, per accettarsi scegliendo di esprimere la propria
identità senza necessariamente conformarsi a schemi imposti. Noi vogliamo descostruire lo stigma sociale , rendere
tali caratteristiche distintive e tali diversità un linguaggio ed un espressione artistica, perché siamo
noi i padroni del nostro corpo e della nostra identià. Il tatuaggio è un linguaggio di segni impressi sulla
pelle, di STIGMA.

La vostra editor Alessandra @etoilerebelle

“È necessario che le nuvole fuoriescano anche dalla
cornice. Tutto esce sempre da se stessi: il sangue, le
lacrime, le nuvole, la vita stessa.” Frida Khalo